Archivio mensile:aprile 2014

Artigiano 2.0

Pellizza-acos-energia-storie-di-energia-02

 

C’era un tempo in cui gli oggetti erano fatti di metallo per durare nel tempo. Emanuele Pelizza, Amministratore e Responsabile Commerciale della Pelizza srl di Alessandria e cliente business di Acos Energia, ci racconta l’evoluzione dell’azienda di famiglia dall’artigiano, al ”artigiano 2.0”.

L’azienda nasce sul finire degli anni ‘20 dalla volontà di mio nonno, che era un fabbro, di costruire e realizzare dei prodotti su misura per l’ambito giardino. Poi, complice anche il periodo storico, da artigiani del metallo dedicati a prodotti per giardino si è passati ad un ambito un pochettino più evoluto: tutto quello che poteva essere il casermaggio.

Amministrare un’azienda in un mondo prettamente maschile, per una donna negli anni ‘40 e ‘50 non è affatto cosa da poco.

Fino a qui, niente di straordinario, senonchè mio nonno viene a mancare a metà degli anni ‘30 prematuramente. Spetta quindi a mia nonna all’età di 30 anni, con due figli piccoli, prendere in mano l’azienda.

Inizia così un’avventura importante perchè mia nonna è riuscita a porre le basi e creare tutto quello che è stato fatto fino ad oggi. Amministrare un’azienda che passa da 3 a 40 operai, in un mondo prettamente maschile, per una donna negli anni ‘40 e ‘50 non è affatto cosa da poco.

Alla fine degli anni ‘50 entrano in azienda mio padre e successivamente il marito della sorella di mio padre; sono loro che portano avanti l’azienda fino a primi anni ’80, quando entra mio cugino e dopo pochi anni anch’io. Continua a leggere

70 anni di energia

energia_anni_70_acos_energia_08

 

Loro sono Valentina Barca e Giuseppe Morando, detto Carletto, o per meglio dire “Carlétéin”.

Clienti storici di Acos Energia, hanno da poco festeggiato 70 anni insieme.

Valentina - il giorno non me lo ricordo più, è passato tanto tempo, ma ci siamo conosciuti nell’ottobre del ’43 al mio paese, San Martino di Roccaforte in Val Borbera.

da piccolo le donne mi prendevano tutte in braccio poi, quando son cresciuto, non mi han più voluto

Valentina - era militare in Val Varaita ed insieme a lui c’era a militare un mio vicino di casa. Arriva l’ordine di consegnarsi ai tedeschi per andare a “lavorare” in Germania.

Carlétéin - mia mamma che aveva dei difetti ma non era certo scema, ha capito cosa saremmo andati a “fare” in Germania! E’ partita per la Val Varaita con gli abiti civili, una donna sola, e me li ha portati. Roba che se glie li trovavano addosso i tedeschi la fucilavano. Continua a leggere